arrow-sharparrowarticle-iconcross-iconlogo-darklogo-whitemenu-leftnot-foundpolygonquiz-iconstar-emptystar-fullstar-half
account-outlineapp-storearrow-leftarrow-rightbell-with-red-dotbellbillcartcautioncheckcheckbox-checked-filled-squarecheckbox-squarechevron-downcircel-green-checkclosecountry-aucountry-brcountry-cacountry-decountry-escountry-frcountry-gbcountry-incountry-itcountry-ptcountry-uscross-iconcubodelete-binedit-penemailexternal-linkfilefilesfilterfoldersfooter-applefooter-facebookfooter-instagramfooter-linkedinfooter-play-storefooter-twittergare-with-red-dotgareglobal-minusglobal-plushome-outlinelinklogoutmenupayment-method0payment-method1payment-method2payment-method3payment-method4payment-method5payment-method6payment-method7play-storepolygonquestion-filesearchsendspinnersuccess-thumps-uptelegramterminalwhats-app
4.6 (449 Voti)

Patente AM quiz: Cos’è la patente AM e cosa si può guidare

AM

Motorizzazione Civile - Quiz Patente AM

INIZIA QUIZ

Ecco i prodotti più richiesti... Provali ora!

Quiz Patente AM: Le prove teoriche e pratiche, e chi rilascia questa importante abilitazione

24 min. 06/08/2021 14/01/2022

La patente AM o patentino è l’abilitazione più conosciuta e conseguita, perché permette la guida di quadricicli leggeri e ciclomotori a due ruote (della categoria L1e) con velocità massima di 45 km/h e cilindrata inferiore o uguale a 50 cm³. L’età prevista per il conseguimento è 14 anni, si ottiene tramite il superamento di un esame teorico-pratico.

La patente AM rappresenta una delle patenti più belle che possano esistere, spesso infatti è associata al concetto di emancipazione giovanili e libertà per le persone più adulte, es assieme alla patente b è sicuramente la patente più ambita.

Tuttavia non è semplicissimo conseguire la patente am quiz soprattutto per la complessità dell’esame teorico. Per questo motivo - anche per non sprecare del denaro prezioso in età giovanile - ti invitiamo ad esercitarti con dei patente am quiz creati da una base di dati ufficiali e ministeriali.

Sul nostro sito potrai trovare la simulazione del quiz patente am online secondo le disposizione del ministero dei trasporti.

I prodotti più di tendenza:

Potrebbe interessarti leggere anche questi altri articoli:

Patente AM quiz: informazioni utili sulle prove d’esame

Patente AM Quiz - Simulazioni quiz patente am online

Il 1° gennaio 2013 è stata introdotta dalla direttiva UE la patente AM, chiamata anche patentino. Questa è la nuova tipologia di patente entrata in sostituzione al precedente CIGC (Certificato d’idoneità Alla Guida Dei Ciclomotori) ovvero dell’ormai storico patentino.

Anche se si tratta di una certificazione conseguibile in giovanissima età è considerata una patente a tutti gli effetti, con tanto di sistema a punti e quindi di conseguente decurtazione in caso d’infrazione.

Per avere un quadro più chiaro delle leggi in vigore e delle nuove norme che regolamentano la guida con la patente AM vi elenchiamo di seguito tutte le norme di riferimento:

  • Codice della Strada, articoli 116, 208, 230

  • Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) del 30/06/2003 “Programma dei corsi e procedure d’esame per il conseguimento del certificato d’idoneità per la guida dei ciclomotori”

  • Nota del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) n.4355/A2 del 31/10/2003 “Linee guida per l’organizzazione dei corsi per il conseguimento del certificato d’idoneità alla guida del ciclomotore”

  • Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Dipartimento Trasporti Terrestri (MIT DTT) Prot.n.MOT3/4-85/M310 del 16 dicembre 2003, “Organizzazione delle sedute d’esame per il conseguimento del certificato d’idoneità alla guida dei ciclomotori”

In questo articolo andremo ad approfondire il tema e cercheremo di capire insieme cosa si può guidare con la patente AM, quali sono i documenti da presentare in sede d’iscrizione e vi forniremo delle indicazioni utili per affrontare l’esame teorico e l’esame di guida.

Se sei in possesso del CIGC conseguito prima del 1-/01/2013, durante la guida su strada oltre al certificato bisogna ricordare di portare sempre con sé anche un documento d’identità valido, per garantire in caso di controlli il riconoscimento anche tramite foto.

Di seguito troverete la documentazione da presentare per procedere con l’iscrizione all’esame quiz patente am:

  • Modulo TT2112 compilato

  • Attestazioni di versamento di 4 bollettini che troverete già prestampati presso gli Uffici Postali o in Motorizzazione:

  • € 26,40 sul c/c postale n. -001

  • € 16,00 sul c/c postale n. 4028

  • € 16,00 sul c/c postale n. 4028

  • € 16,00 sul c/c postale n. 4028

  • Certificato anamnestico del proprio medico di base ricevuta del certificato medico

  • Fotocopia di un documento d’identità

  • Fotocopia del codice fiscale

  • 3 foto tessera recenti

  • Fotocopia di un documento d’identità di un genitore (o tutore) nel caso in cui il candidano non avesse ancora 18 anni

I cittadini extracomunitari e che desiderano ottenere la patente AM, oltre ai documenti sopraindicati, devono aggiungere:

  • Permesso di soggiorno: fotocopia, copia autenticata o copia semplice con dichiarazione sostitutiva di atto notorio di conformità all’originale in alternativa

  • Fotocopia della carta di soggiorno e se si è in attesa del rinnovo per scadenza o del primo rilascio del permesso di soggiorno:

  • Fotocopia del documento d’identità + fotocopia della ricevuta della richiesta di primo rilascio

  • Fotocopia del documento d’identità + fotocopia della ricevuta della richiesta di rinnovo + fotocopia del permesso di soggiorno scaduto

Quiz Patente AM: Modulo TT2112

Il modulo TT2112 è una parte fondamentale della documentazione da presentare, consente di essere ammesso a sostenere gli esami di guida per il conseguimento della patente di categoria e viene fornito direttamente dal’autoscuola che avete scelto.

Invece chi preferisce procede al conseguimento della patente da privatista può scaricare il modello online nel sito del portale dell’automobilista o richiederlo presso gli sportelli della Motorizzazione.

Il modulo sopraindicato viene utilizzato dal cittadino allo scopo di:

  • Partecipare all’esame teorico per il conseguimento della patente di guida quiz patente am;

  • Richiedere duplicazione o conversione della patente di guida

  • Richiedere la nuova classificazione della patente di guida con il passaggio da una categoria all’altra

In caso di duplicazione, conversione o nuova classificazione della patente di guida dovrete riportare sul modulo gli estremi della patente già posseduta.

Il modulo TT2112 può essere utilizzato per la richiesta della patente di guida. Più esattamente il modulo in questione consente di essere ammesso a sostenere gli esami di guida per il conseguimento della patente di categoria. Tuttavia come vedremo fra poco il modello TT2112 può essere utilizzato anche per fini diversi patente am quiz.

Il modulo è costituito da 8 pagine. La prima parte lascia spazio all’inserimento dei dati anagrafici e di residenza. Durante la compilazione trovate la casella “Prescrizioni tecniche” in cui bisogna inserire “N” solo nel caso in cui non avete una delle seguenti prescrizione, per ciascuna prescrizioni elencheremo i relativi codici riportate sul certificato medico per rendere il tutto più chiaro.

CategoriaUdito
L (0101)Occhiali
C (0102)Lenti a contatto
J (0103)Lenti protettive
O (0104)Lenti opache
B (0105)Copri occhi
M (0106)Occhiali o lenti a contatto
T (0201)Protesi uditiva ad un orecchio
V (0202)protesi uditiva ad entrambe le orecchie
H (0301)protesi od ortesi ad un arto superiore (solo per patenti speciali)
I (0302)protesi od ortesi ad un arto inferiore (solo per patenti speciali)

Il modello, debitamente compilato, va presentato all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile. L’ufficio che riceve il modello è tenuto alla registrazione della domanda attraverso i propri terminali, terminata la procedura restituisce il modello al richiedente, unitamente ai documenti in originale e alla ricevuta che sistematicamente lo autorizza a svolgere esercitazione di guida. L’autorizzazione scade dopo 6 mesi dalla concessione.

Patente AM quiz: a che età si può conseguire

Quiz patente AM - come superare senza problemi la patente AM quiz

In Italia questa patente si può conseguire già a 14 anni, mentre per la guida nei paesi dell’Unione Europea è necessario aver compiuto 16 anni di età, dove le convenzioni internazionali lo prevedono.

Ma per conseguire la Patente AM quiz non basta aver compiuto 14 anni ed essere residenti in Italia, bisogna frequentare le lezioni, i corsi di guida e superare l’esame teorico e pratico. Una volta superata la prova teorica, viene rilasciato dall’autoscuola il Foglio Rosa, che ha validità sei mesi e consente le esercitazioni alla guida su strada.

Chi decide di conseguire la patente AM quiz, appena ha compiuto 14 anni deve mettere in conto alcune limitazioni, come per esempio il divieto di trasportare passeggeri fino al compimento di 16 anni. Questa nuova normativa è stata introdotta a partire dal 18 agosto 2015 e concede la possibilità al titolare di patente AM, di trasportare un passeggero qualora il mezzo sia omologato ma rispettando sempre il vincolo di età previsto.

Patente AM quiz: Come si svolge l’esame per conseguire la patente AM

Una volta effettuata l’iscrizione e frequentato i corsi di preparazione possiamo affrontare la prova teorica. Per la preparazione si può seguire il corso a scuola guida, altrimenti è possibile studiare autonomamente e procedere quindi da privatista.

L’esame patente am quiz si articola in 30 domande alle quali rispondere vero o falso e sono concessi al massimo 3 errori.

Per svolgere gli esami di teoria e di pratica patente am quiz, gli aspiranti hanno a disposizione:

  • 2 prove di teoria patente am quiz da svolgere in sei mesi a partire dalla data di presentazione della domanda

  • 2 prove di pratica da svolgere in cinque mesi, a partire dai 31 giorni dalla data di superamento della teoria e quindi, dal momento in cui viene rilasciato anche il foglio rosa per l’esercitazione

La prova patente am quiz per conseguire la patente prevede sia una prima fase teorica che una fase successiva in cui verrà valutata la capacità del candidato alla guida del ciclomotore, la guida viene effettuata su strada con il proprio veicolo o con il veicolo messo a disposizione dalla scuola guida.

Patente AM quiz: Prova teorica e svolgimento dell’esame

La durata dell’esame teorico quiz patente am è di 30 minuti e per essere ammessi alla prova si deve:

  • Frequentare il corso con al massimo 3 ore di assenza

  • Avere il consenso di un genitore o di un tutore legale

  • Aver effettuato il pagamento delle tasse relative alla tariffa per esami per conducenti di veicoli a motore (legge 870 del 01/12/1-86)

Dalla data di ultimazione del corso di formazione avrete un anno per procedere con l’iscrizione all’esame di teoria quiz patente am.

Vi elenchiamo di seguito gli argomenti da studiare per prepararsi all’esame e superarlo con facilità

Gli argomenti patente am quiz:

  • Segnali di pericolo e segnali di precedenza.

  • Segnali di divieto.

  • Segnali di obbligo.

  • Segnali d’indicazione e pannelli integrativi.

  • Norme sulla precedenza.

  • Norme di comportamento.

  • Segnali luminosi, segnali orizzontali.

  • Fermata, sosta e definizioni stradali.

  • Cause d’incidenti e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione.

  • Elementi del ciclomotore e loro uso.

  • Comportamenti alla guida del ciclomotore e uso del casco.

  • Valore e necessità della regola.

  • Rispetto della vita e comportamento solidale.

  • La salute.

  • Rispetto dell’ambiente.

  • Conoscenze sul funzionamento dei ciclomotori in caso di emergenza.

Questi argomenti dovranno essere affrontati durante le lezioni del corso di formazione per un numero di ore specificato come segue:

  • Norme di comportamento 4 ore.

  • Segnaletica ed altre norme di comportamento 6 ore.

  • Educazione e rispetto della legge 2 ore.

Vi forniamo di seguito delle ipotesi di organizzazione delle ore di didattica utili per affrontare e rispondere correttamente ai quiz patente AM:

ModuloOre di lezioneArgomento
Può creare pericolo o intralcio alla circolazione: sostare fuori dalla strada2 ore norme di comportamentoElementi del ciclomotore e loro uso. Comportamenti alla guida ed uso del casco
2° modulo1 ora norme di comportamento e 1 ora educazione al rispetto della leggeNorme sulla precedenza. Norme di comportamento. Valore e necessità della regola. Rispetto dell’ambiente
3° modulo1 ora norme di comportamento e 1 ora educazione al rispetto della leggeCause incidenti stradali, comportamento e assicurazione. Rispetto della vita e comportamento solidale. La salute
4° modulo2 ore segnaleticaSegnali di pericolo e segnali di
precedenza
5° modulo2 ore segnaleticaSegnali di divieto e segnali di obbligo
6° modulo2 ore segnaleticaSegnali d’indicazione e pannelli integrativi. Segnali luminosi e segnali orizzontali. Fermata, sosta e definizioni stradali

Per aiutarvi e per rendere le informazioni più dettagliate possibili vi proponiamo di seguito alcune domande tratte dai quiz patente AM che potrebbero essere presenti nella prova teorica:

DomandaRisposta corretta
Può creare pericolo o intralcio alla circolazione: sostare fuori dalla stradaVero
Può creare pericolo o intralcio alla circolazione: viaggiare affiancatiVero
Può creare pericolo o intralcio alla circolazione: fermarsi sul lato destro della stradaFalso
La posizione di guida corretta sul ciclomotore è: seduto in modo da poter mettere bene i piedi per terra a veicolo fermoVero
La posizione di guida corretta sul ciclomotore è: con le braccia piegate e le gambe leggermente aperte per avere maggior stabilitàVero
La posizione di guida corretta sul ciclomotore è: in piedi sulla pedanaFalso
In caso di frenata di emergenza con il ciclomotore: si frena esclusivamente con il freno anterioreFalso
In caso di frenata di emergenza con il ciclomotore: è consigliabile spostare il proprio peso all’indietroVero
La responsabilità penale derivante da incidente stradale: è di chi ha causato l’incidenteVero
La responsabilità penale derivante da incidente stradale: sorge qualora esso provochi lesioni gravi a personeVero
La fermata è vietata: in corrispondenza e in prossimità degli incrociVero
Non si può sorpassare: in prossimità o in corrispondenza dei passaggi a livello senza barriere e senza semaforoVero
Non si può sorpassare: in corrispondenza dei dossi su strade a senso unico a due corsieFalso
Per garantire la sicurezza della circolazione ed evitare incidenti è necessario, fra l’altro far controllare periodicamente, ad un meccanico, l’efficienza del ciclomotoreVero
Il proprietario di un ciclomotore ha l’obbligo di effettuare la revisione periodica al proprio veicolo a quattro anni dalla immissione in circolazioneVero
Viaggiare sul ciclomotore con casco e visiera alzata, ci espone al rischio di fastidiosi impatti con insetti.Vero
Durante la marcia, l’uso dei proiettori a luce abbagliante è vietato quando si segue un veicolo a breve distanza.Vero
Circolando con pneumatici a pressione inferiore a quella consigliata dalla casa costruttrice si ha maggior consumo di carburante.Vero
È permesso lampeggiare con le luci abbaglianti per segnalare al veicolo che precede l’intenzione di sorpassare.Vero
Prima di partire con il ciclomotore è necessario controllare il regolare funzionamento dei comandi dei freni.Vero

Tutti i candidati che hanno la necessita di un supporto audio che legge le domande durante l’esame quiz patente am possono presentare esplicita domanda alla Motorizzazione, il suddetto ufficio provvederà a soddisfare tale richiesta dopo un’attenta valutazione e solo nel caso in cui gli esaminandi siano:

  • Privi di licenza media

  • Privi di cittadinanza italiana

  • Affetti da patologie che determinano gravi difficoltà nella comprensione dei testi scritti

Superata la prova teorica patente am quiz riceverai l’autorizzazione per poterti esercitare alla guida su strada, il cosiddetto Foglio Rosa preventivamente predisposto dall’Ufficio provinciale del Dipartimento dei Trasporti Terrestri, importante per affrontare la prova pratica. Per sostenere l’esame di guida invece deve trascorrere almeno un mese e un giorno dal superamento della prova di teoria.

Patente AM quiz: A cosa serve il Foglio Rosa

Per esercitarti alla guida quiz patente am e per essere formato in modo responsabile, il primo passo è ottenere l’autorizzazione a esercitarsi alla guida, il cosiddetto Foglio Rosa. Il foglio rosa vale sei mesi, in questo arco di tempo il candidato può provare l’esame pratico per un massimo di due volte. Se il primo tentativo da esito negativo allora sarà necessario affrontare nuovamente l’esame, sarà possibile sostenere la prova dopo un mese e un giorno dalla bocciatura.

Con il foglio rosa potrai esercitarti anche da solo, purché la guida si svolga in luoghi poco frequentati. Se decide di esercitarti su veicoli a più ruote e che prevedono il trasporto di un altro passeggero allora sarà necessario che nel momento della guida sia presente con te una persona che abbia conseguito la patente da almeno 10 anni. Ricorda prima di mettersi alla guida di apporre sul veicolo la lettera “P” che indica il tuo stato da principiante.

Patente AM quiz: Prova pratica e svolgimento dell’esame

La prova pratica si svolge su un ciclomotore a 2 ruote o più comunemente chiamato “motorino” o “cinquantino”, ma l’esaminando può scegliere di effettuare l’esame su uno a 3 o 4 ruote (quadricicli) a patto che non superino i 45 km/h, la cilindrata i 50 cc e la potenza i 4 kW.

Generalmente l’autoscuola per lo svolgimento dell’esame di guida mette a disposizione dei candidati i seguenti mezzi:

  • Un ciclomotore con le marce

  • Un ciclomotore senza le marce o più comunemente chiamato scooter

  • La macchinina o minicar

I candidati per accedere all’esame di guida dovranno munirsi di:

  • Casco integrale

  • Guanti

  • Giacca con protezione dei gomiti e delle spalle

  • Scarpe chiuse

  • Pantaloni lunghi e protezioni delle ginocchia

Inoltre dovranno ricordare e rispettare le norme di comportamento previste dal Codice della Strada secondo gli articoli 152, 153, 171, 173:

  • Segnalazione visiva e illuminazione dei veicoli

  • Clacson da utilizzare solo in caso di necessità o in tutti quei casi previsti dal Codice della Strada.

  • Pneumatici

  • Posizione corretta alla guida utili a prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di pericolo: postura rilassata, braccia leggermente piegate, piedi ben appoggiati sulla pedana

  • Stabilità del veicolo

  • Freni dovranno essere sottoposti a controlli periodici finalizzati alla loro efficienza. Durante la guida del ciclomotore sarà necessario avere sempre l’accortezza di frenare con la massima progressività ed essere pronti, in caso di bloccaggio delle ruote, a gestire correttamente il rilascio dei freni per evitare arresti bruschi

  • Specchietti retrovisori presente su entrambi i lati del ciclomotore anche se il Codice prevede obbligatorio solo quello di sinistra. Prima di partire è importante assicurarsi di avere una perfetta regolazione

  • Manutenzione del ciclomotore costante per garantire l’efficienza del veicolo e viaggiare in sicurezza, ragion per cui è importante controllare periodicamente il livello dell’olio lubrificante, il filtro dell’aria, il dispositivo silenziatore, il dispositivo acustico, l’usura del battistrada, la pressione della camera d’aria, l’efficienza dei freni e dei dispositivi d’illuminazione

  • Qualunque tipo di manomissione delle caratteristiche tecniche del ciclomotore viene punita da sanzioni amministrative, dal decadimento della copertura assicurativa e dalla confisca del veicolo

  • Dispositivo silenziatore o più comunemente definito marmitta, non deve essere mai sostituito con modelli non omologati

  • Casco ovvero l’unico accessorio essenziale dell’abbigliamento di sicurezza da indossare quando si sale in sella ad un ciclomotore, il mancato o irregolare utilizzo da parte del conducente prevede una sanzione da 68,25 a 275,10 euro e il fermo amministrativo del veicolo per 30 giorni

  • Divieto di usare telefonino e walkman

  • Comportamenti degli altri utenti e nei loro confronti

Adesso che abbiamo ben chiaro il comportamento da tenere alla guida possiamo passare alle informazioni utili per superare la prova successiva. Durante l’esame pratico di guida per la patente AM si dovranno affrontare due fasi: la prima in un percorso chiuso, la seconda su strada. La prova ha una durata di circa 30 minuti.

  • Percorsi

  • Circolazione del traffico

In questa prima fase, sarà valutata la capacità tecnica di affrontare il percorso, delimitato dai coni, in un appropriato spazio chiuso. Le manovre che vengono richieste al candidato sono:

  • Slalom: in questa fase l’esaminando deve seguire il percorso tracciato da cinque coni lasciando alternativamente da una parte e dall’altra ciascuno dei coni presenti e disposti in linea retta, alla distanza di 4 metri l’uno dall’altro, scostandosi da essi il meno possibile.

Durante lo slalom bisogna stare molto attenti a non commettere uno dei seguenti errori che potrebbero causare da bocciatura e quindi il rischio di dover ripetere l’esame:

  • Abbattere uno o più coni

  • Saltare un cono, omettendo di svolgere il percorso che parzialmente deve avvolgerlo

  • Allontanarsi eccessivamente dai coni

  • Mettere un piede a terra

  • Impiegare un tempo eccessivo

  • Coordinare in modo irregolare la guida dimostrando scarsa abilità

  • Otto: L’esaminando dovrà tracciare un otto, quanto più possibile regolare, avvolgente 2 coni posti tra loro alla distanza di 8 metri e collocato all’interno della zona delimitata da 2 gruppi di 5 coni. Ogni gruppo sarà collocato attorno a ciascuno dei primi due coni, in modo che i coni del gruppo si trovino alla distanza di 3,5 metri dal cono centrale e che le congiungenti con il cono centrale formino fra loro e con la congiungente i 2 coni, angoli di 60 gradi.

Saranno penalizzati tutti i candidati che commetteranno i seguenti errori:

  • Abbattere uno o più coni

  • Disegnare un otto irregolare

  • Mettere un piede a terra

  • Impiegare un tempo eccessivo

  • Coordinare in modo irregolare la guida dimostrando scarsa abilità

  • Frenata: L’esaminando deve compiere un percorso rettilineo di 25 metri ed arrestare il veicolo che si sta conducendo all’interno di un quadrato delimitato da 4 coni disposti a distanza di 1 metro tra loro, il quadrato segna la fine del percorso. Quindi dopo aver percorso il corridoio in seconda marcia, bisognerà arrestare il veicolo in modo che la ruota anteriore superi il primi due coni, ma non i secondi, cioè fermando la ruota anteriore nel quadrato delimitato dai coni.

Il candidato sarà penalizzato nel caso in cui:

  • Arresti il veicolo prima o oltre il quadrato delimitato dai coni

  • Abbia una scarsa coordinazione

  • Passaggio in spazi ridotti: in questa viene chiedo all’esaminando di percorrere a bassa velocità una strada molto stretta delimitata da coni posti a 50 cm l’uno dall’altro lungo 6 metri e largo quanto la massima larghezza della moto all’altezza dei coni, più 30 cm.

Ricorda che abbattere uno o più coni o mettere un piede a terra durante questa prova sono comportamenti che mettono a rischio il superamento dell’esame.

Inoltre alla seconda fase si accede solo dopo aver superato la prima fase e viene valutata l’autonomia e la capacità di guida nel traffico. La difficoltà delle prove varia in base al veicolo che si intende guidare e per il quale si consegue la patente.

In questa seconda fase sul veicolo, ma solo se diverso dal ciclomotore a due ruote, è presente una persona in qualità di esaminatore. La durata della prova di guida nel traffico varia dai 25 minuti ai 30 minuti.

L’esaminatore invita il candidato ad eseguire, in condizioni normali di traffico, le seguenti operazioni:

  1. Partenza da fermo: da un parcheggio, dopo un arresto nel traffico, uscendo da una strada secondaria.

  2. Guida su strada rettilinea, valutando la fermezza e la sicurezza del candidato nei confronti dei veicoli che provengono dalla direzione opposta, anche circolando in uno spazio limitato.

  3. Guida in curva

  4. L’esaminatore valuterà la capacità del candidato di affrontare e superare tranquillamente incroci e raccordi;

  5. Cambiamento di direzione: svolta a destra ed a sinistra

  6. Cambiamento di corsia

  7. Verrà valutata la capacità del candidato di sorpassare altri veicoli qualora ci fosse la possibilità, di superare ostacoli (ad esempio vetture posteggiate), di essere oggetto di sorpasso da parte di altri veicoli.

  8. Verrà dato un’attenta osservazione anche alla guida su lunghe salite/discese e gallerie

  9. Rispetto delle necessarie precauzioni nello scendere dal veicolo.

Nel caso di esito positivo, la commissione esaminatrice consegna la patente al candidato e ritira il foglio rosa. Nel caso in cui la prova non sia stata superata, l’esaminando dovrà consegnare il foglio rosa, sarà invitato a fare lo stesso qualora si tratti della seconda prova pratica di guida o, pur trattandosi della prima prova, la scadenza di quest’ultimo non consente di sostenere una seconda prova.

Possono essere presenti durante l’esame anche domande sull’utilizzo obbligatorio del casco, gli elementi del ciclomotore ed è possibile che vi chiedano di spiegare le basi del suo funzionamento.

Nelle ultime sessioni di esami sono state rilevate anche domande sulle condizioni psicofisiche necessarie per poter guidare i veicoli consentiti dalla patente AM, il tutto è mirato alla conoscenza del codice della strada che delinea e regolamenta il comportamento da tenere quando si è alla guida.

Importante da ricordare: Forse pochi sanno che questa tipologia di patente prevede un’eccezione, ovvero se l’esame di guida è svolto con un ciclomotore dotato di cambio automatico, la patente AM riporterà sul retro il codice 78 che non abilita alla guida dei ciclomotori dotati di cambio manuale, quindi non vi sarà consentito guidare ciclomotori che non siano muniti di cambio automatico.

Patente AM quiz: Scadenze e rinnovi della patente AM

La patente AM va rinnovata ogni 10 anni fino ai 50 anni di età, successivamente il tempo di validità varia al variare dell’età del conducente, infatti:

  • Dai 50 ai 70 anni viene richiesto il rinnovo ogni 5 anni

  • Dai 70 agli 80 anni la patente si rinnova ogni 3 anni

  • Dopo gli 80 anni va rinnovata ogni 2 anni

Importante: con l’introduzione delle nuove normative, anche per la patente AM, la scadenza del documento corrisponderà al giorno del compleanno.

Patente AM quiz: Cosa si può guidare

Tutti coloro che sono in possesso del patentino, possono guidare:

  • Ciclomotori a due ruote (categoria L1e), che permettono una velocità massima di 45 km/h e che sono provvisti di una cilindrata uguale o inferiore a 50 cm³. Per quanto riguarda la conduzione di motori elettrici, il patentino consente la guida di motorini elettrici con potenza non superiore di 4 kW

  • Veicoli a tre ruote (categoria L2e) con una velocità che non supera i 45 km/h e avente un motore con cilindrata non superiore a 50 cm³

  • Quadricicli o micro-car (categoria L6e) che non hanno un peso superiore a 425 kg e non superano una velocità di 45 km/h, anche per questi veicoli la cilindrata massima consentita sarà di 50 cm³

Nel caso di veicoli elettrici, nel limite massimo dei ciclomotori, tricicli o quadricicli leggeri, non viene calcolato il peso delle batterie.

Indipendentemente dal tipo di veicolo che andrete a guidare dovete ricordare sempre che ci sono dei documenti essenziali che vi permettono di guidare su strada. Dal 1° luglio 2004 i documenti necessari per circolare sul ciclomotore sono:

  • Il certificato d’idoneità alla guida del ciclomotore patentino che non costituisce documento d’identità

  • Il contrassegno attestante il pagamento della tassa di circolazione o chiamata più semplicemente Bollo

  • Il certificato di circolazione rilasciato dal Dipartimento dei Trasporti Terrestri, contenente i dati d’identificazione e costruttivi del veicolo, nonché quelli della targa e dell’intestatario

  • Una targa che sostituirà l’attuale contrassegno d’identificazione e che identificherà il veicolo e l’intestatario del certificato di circolazione

Prima di mettervi alla guida ricordate sempre di controllare tutti i documenti e la relativa validità in modo tale da provvedere al rinnovo qualora fossero in scadenza.

Patente AM quiz: Chi non può conseguire il patentino

Secondo la normativa vigente ci sono dei casi in cui non è consentito il rilascio della patente AM, andiamo a vedere insieme chi non può conseguire il patentino:

  • Chi è già in possesso di una patente di guida, anche se è sospesa o scaduta

  • Coloro ai quali è stata revocata la patente di guida per particolari motivi che potrebbero mettere a rischio la vita non solo del conducente ma anche degli altri. Alcuni dei motivi di revoca potrebbero essere l’uso di stupefacenti, guida in stato di ebbrezza, mancanza dei requisiti morali, ecc.

  • Una cilindrata pari o inferiore a 50 cc e non può superare i 45 km orari di velocità per costruzione

Quiz Patente AM: Quanto costa la patente AM

I costi previsti per l’iscrizione non sono uguali per tutti, infatti se si decide d’intraprendere il percorso da privatista il costo della patente AM è di circa 150 euro, mentre può variare da 200 a 250 euro in autoscuola, in base all’autoscuola e alla regione.

Per ottenere la patente AM sono previsti alcuni versamenti che devono essere fatti sia dagli iscritti all’autoscuola che dai privatisti, andiamo ad elencarli di seguito:

  • Un versamento da 26,40 € su c/c -001 valido per tre mesi

  • Un versamento di 16 € su c/c 4028

  • Un versamento su c/c 4028 di 16 € per la prenotazione dell’esame

  • Certificato medico

Per quanto riguarda l’ultimo punto in elenco ovvero il certificato medico vi informiamo sulla nuova procedura di richiesta entrata in vigore il 3 marzo 2020. Il nuovo certificato medico patente:

  • Viene inviato per via telematica

  • Viene stampata una ricevuta cartacea al posto del certificato originale che va allegata all’istanza di rilascio patente

  • Richiede il pagamento di un bollettino da 16 € e non più la marca da bollo

Questo nuovo sistema virtuale permette ai medici abilitati di comunicare in tempi brevi i dati del paziente e il risultato della visita effettuata al sistema informatico del Ministero.

Ricordiamo che la visita medica effettuata dalla Commissione Medica Locale è necessaria per le pratiche di conseguimento, rinnovo, riclassificazione, duplicati, revisioni e conversioni della patente. In caso la visita non dovesse dare esito positivo per un soggetto che ha già la patente, viene inviata una comunicazione con la temporanea o permanente inidoneità alla Motorizzazione che procede a revocare o sospendere la patente.

Vi informiamo che in caso di rinnovo della patente, la ricevuta permette di circolare su strada con patente scaduta, fino alla ricezione per posta di quella nuova.

Ritornando al lato economico e quindi ai costi d’iscrizione possiamo affermare con certezza che i candidati che decidono di ottenere il patentino iscrivendosi all’autoscuola pagano anche le lezioni in aula, che possono arrivare a quota 250 €. Detto ciò possiamo concordare sul fatto che i costi sono più alti, ma c’è un importante risparmio di tempo con la gestione della documentazione e la burocrazia.

I privatisti che avranno effettuato i versamenti necessari all’iscrizione dovranno consegnare i documenti e le copie dei versamenti utili per sostenere gli esami all’ufficio locale della Motorizzazione Civile.

Patente AM quiz: Multe e sanzioni

Come previsto per la guida con altre tipologie di patenti anche quando si conduce un ciclomotore si rischia d’incorrere in multe e sanzioni. Nei casi d’infrazioni del codice più gravi viene applicata dalla legge la sanzione accessoria del ritiro, della sospensione o della revoca e la decurtazione dei punti in tutti i casi in cui le stesse sanzioni sono previste per la patente di guida.

In alcuni casi si incorre anche nel fermo amministrativo del ciclomotore per 60 giorni, l’organo di polizia che procede al fermo provvede al ritiro del documento di circolazione e al trasferimento del mezzo in un apposito luogo dove verrà custodito il veicolo, individuato ai sensi delle disposizioni dell’articolo 214, comma 1, C.d.S, secondo le modalità previste dal regolamento.

Il Dipartimento di pubblica sicurezza del Viminale nella circolare del 21 gennaio 201- approfondisce il tema della sanzione accessoria della confisca del veicolo, sulla misura cautelare del sequestro amministrativo (art. 213) e la sanzione amministrativa accessoria del fermo amministrativo del veicolo (art. 214).

Andiamo a vedere adesso cosa succede se viene eseguito il fermo amministrativo ad un ciclomotore condotto da un minorenne: in questo caso l’organo di polizia competente che avrà già identificato il ragazzo previa documento d’identità e documento di circolazione, provvederà a contattare il genitore, proprietario del mezzo, per affidarglielo in custodia. Tutti i costi relativi al trasferimento e alla custodia sono a carico del proprietario.

Il soggetto che ha commesso la violazione e che si rifiuta di prendere in custodia il veicolo sarà obbligato a pagare una sanzione amministrativa che varia da euro 776 a euro 3.111, tutto ciò viene menzionato nel verbale di contestazione della violazione.

Nel periodo di fermo è assolutamente vietata la circolazione e sul veicolo deve essere collocato un sigillo, secondo le indicazioni fornite dal decreto del Ministero dell’Interno. Il mancato rispetto degli obblighi di custodia costituisce reato ed è sanzionata penalmente e le pene previste possono arrivare fino a due anni di reclusione.

Importante: Il soggetto che circola illegalmente durante il periodo in cui il veicolo è sottoposto al fermo è punito e dovrà pagare una sanzione amministrativa da euro 1.-88 a euro 7.-53.


Quiz Patente AM: Bibliografia

arrow-leftcharm-refreshgreen-checkpark-outline-timersmall-arrow-leftuil-pen