arrow-sharparrowarticle-iconcross-iconlogo-darklogo-whitemenu-leftnot-foundpolygonquiz-iconstar-emptystar-fullstar-half
account-outlineapp-storearrow-leftarrow-rightbell-with-red-dotbellbillcartcautioncheckcheckbox-checked-filled-squarecheckbox-squarechevron-downcircel-green-checkclosecountry-aucountry-brcountry-cacountry-decountry-escountry-frcountry-gbcountry-incountry-itcountry-ptcountry-uscross-iconcubodelete-binedit-penemailexternal-linkfilefilesfilterfoldersfooter-applefooter-facebookfooter-instagramfooter-linkedinfooter-play-storefooter-twittergare-with-red-dotgareglobal-minusglobal-plushome-outlinelinklogoutmenupayment-method0payment-method1payment-method2payment-method3payment-method4payment-method5payment-method6payment-method7play-storepolygonquestion-filesearchsendspinnersuccess-thumps-uptelegramterminalwhats-app
4.6 (473 Voti)

Quiz patente D: La guida definitiva

D

Motorizzazione Civile - Quiz Patente D

INIZIA QUIZ

Ecco i prodotti più richiesti... Provali ora!

Patente D quiz: Come usarli per ottenerla, e cosa posso guidare con la patente D

30 min. 06/09/2021 18/09/2023

Se la vostra necessità è quella di guidare veicoli molto capienti e di trasportare persone, questo articolo è quello che fa per voi. Tramite i nostri quiz patente D potrete esercitarvi e acquisire le conoscenze per superare l’esame teorico e l’esame pratico.

La quiz patente D è il titolo che vi permette di guidare autoveicoli per trasporto di persone ad uso proprio con un numero di posti superiori a nove compreso quello del conducente.

La patente D è destinata per tutti quelli che vogliono guidate i veicoli della categoria B e gli autoveicoli per trasporto di persone ad uso proprio, non professionale, come ad esempio autobus e filobus, che abbiano un numero totale di posti non inferiore a 9 anche se trainanti un rimorchio leggero (fino a 750kg).

In questo articolo troverete informazioni per quanto riguarda l’età per conseguire la patente, informazioni utili per l’esame teorico patente d quiz e pratico. Parleremo anche dei costi e come sia possibile risparmiare per l’esame teorico patente d quiz.

Per facilitare il tuo studio ti offriremo anche prove e domande di esame tratte proprio dalla patente d quiz. Ciascuna domanda è anche disponibile nel nostro simulatore online o web o tramite mobile app.

Ma ora iniziamo a vedere più in dettaglio cosa si può guidare con la patente d e tutte le informazioni che reputiamo più utili per la tua conoscenza.

Quiz patente D: Quali veicoli posso guidare?

Patente D Quiz - Quiz patente D e prove di esame ufficiali del ministero dei trasporti

Tutti i veicoli della categoria B e gli autoveicoli per trasporto di persone ad uso proprio, non professionale, come ad esempio autobus e filobus, che abbiano un numero totale di posti non inferiore a 9 anche se trainanti un rimorchio leggero (fino a 750kg).

La patente d quiz - base di dati - ma ci sono dei limiti di età per prendere la patente ?

Limiti d’età

Esiste un limite legato all’età. La patente D è infatti conseguibile a patto di aver compiuto 24 anni ed essere in possesso della patente D B. L’età minima scende a 21 anni se insieme alla patente D viene conseguita anche la CQC persone. La patente D deve essere rinnovata ogni 5 anni fino al compimento del 60° anno di età. Dopo il 61° e fino al 68° anno di età il rinnovo viene eseguito presso la Commissione Medica Locale. Dal 69° anno di età non è più possibile guidare autobus e la patente D viene declassata alla patente C.

Oltre il limite di età sono presenti altri limiti?

Per essere considerati idonei al conseguimento della patente D, occorre avere degli specifici requisiti psicofisici:

  • Acutezza visiva: il candidato deve avere 12/10 complessivi e almeno 4/10 in un occhio. La misurazione della vista avviene anche se si è già in possesso di occhiali da vista.

  • Acutezza uditiva: è necessario percepire una conversazione ad almeno 8 metri di distanza. Non sono ammessi protesi.

Per guidare autobus da noleggio o in servizio pubblico e scuolabus o se la vostra attività lavorativa è quella dell’autista, occorre avere una specifica Carta di Qualificazione: la CQC persone.

Più avanti approfondiremo questa specifica qualificazione.

Come si consegue la patente ?

La patente D, come per tutte le altre categorie di patenti, è costituita da una prima parte teorica e una seconda parte pratica. Una volta superato il quiz patente D si può accedere all’esame di pratica.

Patente D quiz: L’esame teorico

L’esame teorico riguarda disposizioni di legge in merito ai documenti di circolazione, alle norme sul trasporto di persone e alle precauzioni per la sicurezza in strada.

Il patente D quiz è costituito da 40 domande, il candidato ha a disposizione 40 minuti per rispondere a tutte le domande con un massimo di 4 errori consentiti.

Qualora il candidato non superi la prima prova, può sostenere per una seconda volta l’esame ma dovrà attendere almeno 31 giorni dalla conclusione del primo esame.

L’esame teorico deve essere sostenuto entro 6 mesi dalla presentazione della domanda presso l’ufficio della Motorizzazione civile.

Superato l’esame teorico viene rilasciato al candidato il foglio rosa per esercitarsi alla guida e ha a disposizione 6 mesi per sostenere l’esame di guida con un massimo di due prove. Vi consigliamo quindi di esercitarvi con i nostri quiz patente D.

Patente D quiz: L’esame pratico

La prova pratica consiste nel verificare le capacità dei comportamenti alla guida del veicolo. L’esame ha una durata di 45 minuti circa; il candidato viene posto alla guida di un autobus di lunghezza non inferiore a 10 metri, con larghezza superiore ai 2.4 metri e con velocità di 80km/h. Durante l’esame il candidato trasporta il veicolo con accanto l’istruttore e l’esaminatore, quest’ultimo valuterà la padronanza dimostrata dal candidato nel controllare il veicolo e nell’affrontare in sicurezza situazioni di traffico.

Le manovre oggetto dell’esame pratico sono:

  • Aggancio e sgancio di un rimorchio o semirimorchio dal veicolo trainante: questo vale solo per le categorie DE, D1E. (quiz patente d)

  • Marcia indietro in curva.

  • Parcheggio in sicurezza per permettere la salita/discesa dei passeggeri.

I comportamenti che l’esaminatore valuta sono:

  • Partenza da fermo: da un parcheggio, dopo una fermata nel traffico oppure uscendo da una strada secondaria.

  • Guida su strada rettilinea: comportamento nei confronti dei veicoli che provengono dal senso di marcia opposto, anche in caso di spazio limitato.

  • Guida in curva.

  • Incroci: affrontare e superare incroci e raccordi. (quiz patente D)

  • Cambiamento di direzione: svolta a destra e a sinistra; cambiamento di corsia. (quiz patente D)

  • Ingresso e uscita dall’autostrada: accelerazione e decelerazione. (quiz patente D)

  • Sorpasso e superamento di veicoli in movimento o in sosta. (quiz patente D)

  • Rotonde; passaggi a livello; fermate di autobus e di tram.

  • Attraversamenti pedonali. (quiz patente D)

  • Guida su salite e discese.

  • Gallerie.

  • Precauzioni durante la fase di discesa del veicolo. (quiz patente D)

  • Velocità: rispetto del limite massimo di velocità, adattamento della velocità alle condizioni climatiche e del traffico e adattamento alla velocità di altri veicoli simili.

  • Frenata e arresto: utilizzo dei diversi sistemi di frenatura e riduzione della velocità con sistemi diversi da quelli della frenatura.

  • Segnalazione: corretto impiego degli indicatori di direzione. (quiz patente D)

  • Semafori, segnaletica stradale e dei comandi impartiti dagli agenti del traffico.

  • Distanze di sicurezza. (quiz patente D)

  • Corretto posizionamento sulla strada: nella giusta corsia, nelle rotonde e in curva.

  • Precedenze agli incroci e sui raccordi.

L’esaminatore tiene conto inoltre, durante l’esame pratico, del senso civico e della prudenza dimostrata dal candidato durante la guida.

Il candidato deve adottare uno stile di guida sicuro, che tenga conto anche delle condizioni meteorologiche e quelle della strada, delle condizioni del traffico senza mettere in alcun modo a repentaglio la sicurezza dei passeggeri.

A partire dal 1° novembre 2020 in attuazione alla direttiva n. 2020/612/UE, sulla patente D e sulle categorie BE, C, CE, CI, C1E, D, DE, D1 E D1E conseguita su veicoli con cambio automatico, non viene annotato l’art.78 (restrizione di guida limitatamente a veicoli con cambio automatico) a condizione che:

  • Il candidato sia già titolare di una patente D i guida ottenuta su un veicolo con cambio manuale in almeno una delle categorie riportate sopra.

  • Il candidato durante l’esame pratico ha eseguito delle manovre attente al risparmio energetico e di guida sicura: riduzione di consumo del carburante e delle emissioni durante le fasi di accelerazione e decelerazione e durante la guida in salita e in discesa.

Quiz patente D: Quanto costa prendere questa patente?

Prendere la patente D ha ovviamente dei costi, che spesso dipendono dalle tariffe applicate dalle singole autoscuole presso cui ci si rivolge, così come dal numero di esercitazioni eseguite con l’istruttore. I costi variano però da regione a regione; pertanto è difficile quantificare una tariffa fissa per il conseguimento della patente D. Solitamente l’importo non è inferiore ai 500 euro.

Per conseguire la patente D è possibile iscriversi all’esame come privatista. È necessario, per superare il quiz patente D, procurarsi un libro di testo. Per la prova pratica invece, è necessario avere a disposizione l’apposito veicolo sul quale esercitarsi.

Per questo motivo - per non sprecare soldi - ti consigliamo di studiare con la batteria ufficiale patente d quiz.

Quiz patente D: Ricapitolando, quali sono le sottocategorie di questa categoria ?

  • La patente D1, per cui occorre aver compiuto 21 anni con l’obbligo di essere in possesso della patente D B. Con questa categoria di patente D è possibile guidare autoveicoli adibiti al trasporto di max 17 persone incluso il conducente e con lunghezza non superiore a 8 metri.

A questa categoria può essere agganciato un rimorchio con massa non superiore a 750kg.

  • La patente D1E, per cui occorre aver compiuto 21 anni con l’obbligo di essere in possesso della patente D1. Con questa categoria di patente D è possibile guidare veicoli composti da una motrice rientrante nella categoria D1 e da un rimorchio la cui massa non è inferiore a 750kg.

  • La patente D, per cui occorre aver compiuto 24 anni con l’obbligo di aver conseguito la patente B. Per chi invece ha conseguito la CQC persone, l’età minima si abbassa a 21 anni. Con questa categoria di patente D si possono guidare veicoli adibiti al trasporto di più di 9 persone incluso il conducente. Al veicolo è possibile agganciare un rimorchio la cui massa non supera 750 kg.

È necessario precisare altresì che per condurre autobus in servizio pubblico di linea o a noleggio con conducente e per gli scuolabus, occorre essere in possesso della CQC persone.

  • La patente DE, per cui occorre aver compiuto 24 anni di età con l’obbligo di aver conseguito la patente D. Anche per questa categoria di patente D, per chi ha conseguito la CQC persone, l’età minima si abbassa a 21 anni. La patente DE consente di guidare veicoli autosnodati e veicoli composti da una parte motrice rientrante nella categoria D e da un rimorchio la cui massa non supera 750 kg. Con questa patente D è possibile guidare anche i veicoli delle categorie AM, B, BE, D1E.

Quiz patente D: Con la patente D1 quali veicoli posso guidare?

Da gennaio 2013 è stata introdotta anche la patente D1, più piccola rispetto alla patente D, che permette di guidare i cosiddetti"minibus": autobus con un minimo di 9 posti passeggeri ma non superiori a 17 posti compreso quello del conducente. Anche la patente D1 è consentita solo per uso non professionale e per il conseguimento basta aver compiuto 21 anni. Per il conseguimento della patente D1 è necessario aver superato un esame teorico e un esame pratico. Il candidato ha sei mesi di tempo dalla presentazione della domanda per sostenere l’esame teorico. L’esame teorico consiste in un test a quiz di 20 domande della durata di 20 minuti con un massimo di 2 errori consentiti. L’esame pratico invece dura 45 minuti durante i quali l’esaminatore valuta le capacità e le abilità del conducente alla guida del veicolo. Una volta superato l’esame teorico, al candidato viene rilasciato il foglio rosa. L’esame di guida deve essere superato nei sei mesi successivi con al massimo 2 tentativi.

Quiz patente D: Come posso conseguire la patente D1E?

Per conseguire la patente D1E occorre avere determinate caratteristiche fisiche: è necessaria un graduazione visiva pari e non inferiore a 12/10 complessivi e con un minimo di 4/10 a occhio. Questa graduazione può essere raggiunta anche con l’utilizzo di lenti a contatto o di occhiali da vista. Anche l’udito deve essere integro: per ciascun orecchio occorre percepire il suono ad almeno 8 metri di distanza senza l’utilizzo di protesi o dispositivi. Anche per il conseguimento della patente 1E è necessario superare un esame di teoria o un esame pratico. L’esame teorico consiste nel rispondere a domande comprendenti concetti base e argomenti attinenti nello specifico ai veicoli di categoria D1E e al trasporto di cose.

L’esame pratico invece si svolge in 45 minuti e si articola in:

  • Regolazione di sedile e specchi retrovisori.

  • Agganciamento del rimorchio partendo con la motrice affiancata al rimorchio ed esecuzione della retromarcia in curva.

  • Circolazione in aree trafficate fino all’autostrada.

I veicoli con i quali si effettua l’esame pratico sono:

  • Motrice di categoria D1.
  • Rimorchio di almeno 800 kg costituito da un cassone chiuso di altezza e larghezza non inferiore ai due metri.
  • Motrice con rimorchio con una velocità non superiore a 80km/h.

Quiz patente D: Quanto costa la patente D1E?

Per chi vuole conseguire la patente D1E deve tenere in considerazione una spesa di circa 450 euro. Questo importo è comprensivo di: iscrizione alla scuola guida, partecipazione al corso di teoria, lezioni di guida e la presentazione agli esami di teoria e di pratica. Non devono sostenere l’esame teorico solo coloro che hanno conseguito la patente D B dopo il mese di dicembre 2013 o la patente D C, D, C1 o D1 dopo il mese di marzo 2015 - possono pertanto sostenere direttamente la prova pratica. In questo caso, il costo per il conseguimento della patente D1E è di circa 330 euro. Il medesimo risparmio è previsto anche per colui che vuole sostenere l’esame da privatista presso gli uffici della Motorizzazione civile.

Quiz patente D: Quanto dura la patente D1E?

La patente D1E ha una validità di 5 anni. Per rinnovare la patente D occorre sottoporsi, come per il rinnovo delle altre patenti, a visita medica. Dopo il compimento del 60° anno di età e fino ai 68 anni, viene rilasciata dalla Commissione Medica Locale un attestato d’idoneità annuale per poter guidare i veicoli per i quali è richiesta la patente D1E. Dopo i 68 anni di età non è più possibile guidare i veicoli per i quali è necessario avere questa categoria di patente D. Quindi, a cosa serve rinnovare la patente D1E dopo aver superato il limite di età previsto? La patente D1E viene comunque rinnovata ma permette di guidare solamente i veicoli della categoria B o BE, ed eventualmente la patente D A se già in possesso.

Quiz e simulazioni patente D: Come posso conseguire la patente DE?

Per conseguire la patente DE occorre aver compiuto 24 anni di età ed essere in possesso della patente D. Anche per questa tipologia di patente D è richiesta una graduazione visiva pari e non inferiore a 12/10 complessivi e con un minimo di 4/10 nell’occhio"debole". Questa graduazione può essere raggiunta anche con l’utilizzo di lenti a contatto. Bisogna dimostrare di avere un udito integro: per ciascun orecchio occorre percepire il suono ad almeno 8 metri di distanza senza l’utilizzo di protesi o dispositivi. Non è consentita la presenza di protesi o di dispositivi compensativi. Viene inoltre tenuto in considerazione il tempo di reazione ad ogni stimolo, dal più semplice al più complesso. Per conseguire la patente D1E occorre aver superato l’esame teorico e l’esame pratico.

Quiz patente D: L’esame teorico

Patente D i nostri quiz online - quiz patente D - prove di esame e test con la patente d quiz

L’esame teorico si svolge in forma scritta e prevede 40 domande da rispondere in un lasso di tempo di 40 minuti. Per superare il quiz occorre aver risposto correttamente ad almeno 36 domande (vedi i nostri patente D quiz). Il candidato che non ha superato l’esame teorico, può sostenere per la seconda volta la prova ma deve attendere 31 giorni dal primo esito.

Vi ricordiamo che la prima, e nel caso, la seconda prova, devono essere sostenuti entro 6 mesi dalla presentazione della domanda alla Motorizzazione civile.

Quiz e simulazioni patente D: Quali possono essere le domande presenti nel quiz della patente DE?

Le domande riguardano sia concetti di base che sono:

  • Segnaletica stradale (di pericolo, divieto, obbligo, precedenza, segnaletica orizzontale e in riferimento ad ostacoli, sui semafori e degli agenti del traffico).

  • Limiti (velocità, pericolo e intralcio alla circolazione).

  • Distanza di sicurezza e norme sulla circolazione.

  • Norme di guida in relazione alle condizioni fisiche e psichiche (alterazioni da alcool, droga, e sostanze farmaceutiche).

  • Comportamento in caso d’incidente stradale.

  • Equipaggiamenti e dispositivi e relative funzionalità: cinture di sicurezza, sistemi specifici per bambini, casco protettivo e abbigliamento ad hoc per la sicurezza.

  • Norme generali (ingombro della carreggiata, circolazione su autostrade e strade extraurbane, trasporto di persone).

  • I segnali (complementari, temporanei e di cantiere).

  • Pannelli e simboli integrativi dei segnali.

  • Luci e dispositivi acustici (corretto utilizzo e norme).

  • Spie e simboli.

  • Patenti di guida, sistema sanzionatorio, documenti obbligatori, uso di lenti o altri apparecchi.

  • Uso della strada e doveri.

  • Norme legate al corretto utilizzo del veicolo in relazione all’ambiente (corretto impiego dei dispositivi di segnalazione acustica, consumo oculato del carburante e delle emissioni inquinanti).

Sono previste inoltre anche domande per valutare la corretta acquisizione delle nozioni riguardanti:

  • La costituzione e il funzionamento dei motori a combustione interna.

  • Sui liquidi (olio motore, liquido di raffreddamento, liquido lavavetri).

  • Sistema di alimentazione.

  • Sistema di accensione.

  • Sistema di trasmissione.

  • Sistema di lubrificazione e protezione dal gelo.

  • Freno, acceleratore (tipologia di freni, funzionamento, corretto impiego e manutenzione) e ABS.

  • Frizione (funzionamento, componenti, tipologia e manutenzione).

  • Modalità per individuare le cause di un guasto.

  • Montaggio, corretto impiego e manutenzione degli pneumatici.

Dal 2 marzo 2015 per chi ha fatto l’esame teorico per il conseguimento della patente D o C non è necessario sostenere nuovamente la prova. In caso contrario si sostiene un’interrogazione in forma orale che verte su argomenti relativi al traino di rimorchi pesanti. Una volta superato l’esame teorico, viene consegnato il foglio rosa per potersi esercitare con la guida. Il foglio rosa ha una validità di 6 mesi, tempo entro il quale può essere effettuata la prova pratica due volte.

Come superare i quiz patente D con il simulatore di Easy-Quizzz

Superare questa tipologia di prove, richiede una serie di azioni, tra cui un mix di impegno e strategia ma con l’aiuto di Easy-Quizzz, vedrete che tutto sarà più facile.

Infatti, Easy-Quizzz.com, offre ai propri clienti una preparazione dinamica grazie alla presenza dell’App Mobile e del Simulatore Web, progettati per essere utilizzati in base al tempo e all’esigenza dei propri clienti.

Entrando più nel dettaglio, possiamo dire, che il Simulatore offre una vasta gamma di domande d’esame, che rispecchiano struttura e formato della vera prova, in questo modo l’utente potrà familiarizzare con i tipi di domande che potrà aspettarsi il giorno dell’esame.

Mentre, l’App Mobile, consente al cliente di esercitarsi ovunque, e, in qualunque momento della giornata anche in modalità offline, ma non è tutto, perchè l’app offre anche la possibilità di tracciare il proprio progresso, in modo da vedere esattamente dove migliorare.

Insomma, con Easy-Quizzz hai tutto a portata di click, non ti resta che iniziare a sfruttare questa risorsa per raggiungere il tuo successo personale.

Quiz patente D: L’esame pratico

L’ esame pratico può essere eseguito solo dopo che sono trascorsi 30 giorni dall’esito della prova teorica. La prova è di 45 minuti durante i quali l’esaminatore è tenuto a verificare la corretta abilità e capacità di guida dell’esaminando. La verifica avviene su aree urbane, extraurbane e in autostrada. Viene messo a disposizione del candidato un veicolo, unitamente ad un rimorchio, con massa non superiore a 1.25 tonnellate e con larghezza non inferiore a 2,4 metri con velocità non inferiore a 80 km/h. Lo spazio di carico del rimorchio è costituito da un cassone chiuso di altezza e larghezza di almeno metri e con una massa totale non inferiore a 800 kg. Vi consigliamo, prima d’incominciare la prova di verificare:

  • La corretta regolazione del sedile.

  • La corretta posizione degli specchietti retrovisori, la cintura di sicurezza e del poggiatesta.

  • Gli pneumatici, dei freni, dei fari e degli indicatori di direzione.

  • Il servofreno, il servosterzo e i tergicristalli.

  • Controllo del carico (chiusura del compartimento merci, corretto posizione dei teli di copertura, fissaggio del carico).

Quiz patente D: Quali sono le capacità oggetto di esame?

L’esaminatore verifica, ai fini della sicurezza stradale, che il candidato sia capace di:

  • Agganciare e sganciare un rimorchio o semirimorchio dal veicolo trainante. Il veicolo e il rimorchio all’inizio della manovra devono trovarsi vicini.

  • Manovra di marcia indietro in curva.

  • Parcheggio da permettere la salita/discesa dei passeggeri.

Nelle aree urbane trafficate i comportamenti oggetto di verifica sono:

  • Partenza da fermo (da un parcheggio, da un arresto nel traffico oppure uscendo da una strada secondaria).

  • Frenata e arresto (giusto adeguamento alle circostanze).

  • Guida su un percorso rettilineo (comportamenti adottati nei confronti dei veicoli che provengono dal senso di marcia opposto, anche in caso di spazio ridotto).

  • Corretto posizionamento in curva.

  • Il superamento d’incroci e raccordi.

  • Il cambio di direzione e di corsia.

  • Entrata/uscita dall’autostrada (accelerazione e decelerazione).

  • Sorpasso e superamento di altri veicoli o di ostacoli.

  • Corretto posizionamento nelle Rotonde.

  • Guida nelle Gallerie.

  • Fermata (di autobus/tram).

  • Attraversamento pedonale.

  • Precauzioni da tenere durante la fase di uscita dal veicolo.

  • Attenzione ai consumi (numero dei giri, cambio delle marce, le frenate e le accelerazioni).

  • Attenzione agli specchietti.

  • Attenzione alle precedenze durante la marcia.

  • Distanza di sicurezza.

  • Velocità (rispetto dei limiti di velocità, adattamento della velocità con gli altri veicoli).

  • Riduzione della velocità impiegando altri dispositivi a disposizione diversi da quelli della frenatura.

  • Corretta visuale dei semafori, della segnaletica stradale e dei comandi impartiti dagli agenti del traffico.

L’esaminatore verifica pertanto la corretta padronanza di tutti i comportamenti riportati sopra. Errori di distrazione e di guida che possono mettere in pericolo l’incolumità del guidatore, dei passeggeri e dell’ambiente circostante, determinano il non superamento della prova. L’esaminando deve trasmettere all’esaminatore di aver acquisito tutti i comportamenti necessari per guidare un veicolo della categoria DE. Deve avere una guida sicura che tiene in considerazione le condizioni climatiche, della strada percorsa, del traffico ma anche di ciò che avviene nell’ambiente circostante.

Vi ricordiamo che dal 1° novembre 2020, per coloro che conseguono le categorie di patenti BE, C, CE, CI, C1E, D, DE, D1 E D1E su veicoli con cambio automatico, su quest’ultime non vengono annotate restrizioni (art.78) a condizione che:

  • Il candidato sia già in possesso di una patente D ottenuta su un veicolo con cambio manuale in almeno una di queste categorie (B, BE, C, CE, CI, C1E, D, DE, D1 O D1E).

  • Il candidato, durante l’esame pratico ha adottato un comportamento alla guida rispettoso dell’ambiente e dei consumi del carburante e delle emissioni (soprattutto durante la guida su percorsi in salita e discesa; durante la fase di accelerazione e decelerazione).

Quiz patente D: Quanto costa la patente DE?

Il costo per il conseguimento della patente DE dipende da diversi fattori. Il primo tra questi è l’iscrizione presso un’autoscuola. Chi si iscrive presso un’autoscuola deve sostenere i costi relativi al corso di formazione per il superamento della prova teorica e le esercitazioni da effettuare per superare l’esame pratico. In questo caso la spesa sostenuta non è inferiore ai 650 euro. Se invece si sceglie di sostenere l’esame teorico da privatista, il costo parte dai 50 ai 100 euro. Questo importo riguarda principalmente le pratiche burocratiche da eseguire per l’iscrizione all’esame. A questo costo non bisogna dimenticare di aggiungere le spese per la parte pratica (esercitazioni alla guida ed esame) non inferiore ai 400 euro. Il nostro consiglio è d’scrivervi presso una scuola guida per due motivi:

  • Il mezzo per esercitarvi alla guida e l’istruttore vi vengono messi a disposizione direttamente dall’autoscuola. Inoltre il veicolo deve essere dotato di doppi comandi e durante
  • Durante il corso vi vengono indicati dei piccoli suggerimenti e accortezze da tenere a mente in fase di esecuzione della prova teorica

Quiz patente D: Che cos’è la CQC persone?

La CQC persone è la Carta di Qualificazione del Conducente introdotta a seguito della direttiva 2003/59/CE e 2006/126/CE e richiesta obbligatoriamente dal 10 settembre 2008 ai conducenti che hanno compiuto 21 anni di età e che esercitano per uso terzi l’autotrasporto delle persone - come ad esempio autobus o scuolabus. Sostituisce di fatto il vecchio KD. Chi ha conseguito la patente D e DE prima del 10/09/2009, può ottenere la CQC persone presentando apposita documentazione.

Come si consegue la CQC persone usando i quiz patente d?

Si consegue effettuando un corso di formazione iniziale della durata complessiva di 280 ore (260 di teoria e 20 di pratica) presso le autoscuole. Non è possibile conseguire la CQC come privatista.

Il corso di formazione si svolge in due modalità: ordinaria o accelerata. Il corso accelerato, della durata di 140 ore (130 di teoria e 10 di pratica) ha una durata minore ma la CQC conseguita è soggetta a delle limitazioni per un periodo di tempo. Il corso è costituito da due parti: una parte uguale per tutti gli autisti professionali e una parte invece specifica per trasporto di cose o persone. La parte specifica prevede la partecipazione in aula di tre docenti: uno specialista medico, un’insegnante di scuola guida e un esperto di autotrasporto.

Esiste anche la CQC merci che si può conseguire dopo aver compiuto 18 anni di età e che permette di guidare le seguenti categorie di veicoli: Veicoli della categoria C1, C e/o CE per trasporto professionale. Chi ha conseguito la patente D C e C+E prima del 10/09/2009 può ottenere la CQC merci presentando apposita documentazione. Pertanto per chi ha già conseguito l’attestato di autotrasportatore non è obbligato a seguire la parte del corso relativa all’autotrasporto. L’esame deve essere sostenuto entro un anno dal termine del corso.

L’esame per conseguire la CQC dura 90 minuti e si svolge sotto forma di quiz in maniera informatizzata presso l’ufficio della Motorizzazione civile. Il candidato deve rispondere a 70 domande a risposta multipla, di cui 40 domande generali e 30 domande specifiche sulla qualifica per il trasporto merci e di persone. Il test si intende superato se non sono stati commessi più di 7 errori. Il candidato che non ha superato l’esame, deve presentare nuovamente la domanda di partecipazione e può ripeterlo trascorsi 30 giorni dall’ultima prova. Una volta conseguita la Carta di Qualificazione del Conducente è obbligatorio seguire presso un’autoscuola, ogni cinque anni, un corso di formazione periodica della durata di 35 ore.

A valle di tutto ciò si raccomanda sempre di esercitarsi con dei patente d quiz affidabili.

Quanto costa prendere la CQC?

Prendere la CQC ovviamente ha dei costi che non sono standard ma dipende dalla città nella quale si richiede. Il costo può partire dagli 850 euro per la CQC persone e raggiungere anche i 4000 euro per la CQC merci. Il corso di aggiornamento invece, ha un costo indicativo di 200 -250 euro. Oltre all’importo del corso di formazione, il candidato deve sostenere anche delle spese che potremmo definire"fisse e burocratiche". Il costo complessivo dei bollettini per fare domanda per l’esame è di 50 euro; a quest’ultimo bisogna aggiungere 16 euro di marca da bollo e il costo delle fototessere. Dopo aver conseguito la CQC, il candidato deve sostenere il costo del bollettino della patente D e della visita medica. Il titolare della CQC persone può richiedere il rilascio della KB.

Come superare l’esame con l’aiuto di Easy-Quizzz

In primis il candidato deve possedere una base di conoscenza delle materie, acquisite grazie allo studio sul manuale e sugli appunti, dopodiché entra in gioco il simulatore di Easy-Quizzz fruibile sia da pc, tablet ma anche da smartphone permettendo al candidato di esercitarsi in qualunque posto e momento della giornata. La grande opportunità è quella di riprodurre l’ambiente dell’esame reale in tutte le sue sfaccettature, in modo da arrivare al giorno della prova senza ansia e senza stress.

Un riepilogo di quanto visto

La patente D permette di guidare:

  • Veicoli adibiti al trasporto di più di 9 persone incluso il conducente per uso proprio.

  • Rimorchi con capienza non superiore a 750 kg.

  • Tutti i veicoli della categoria B.

Esistono due differenti canali attraverso cui ottenere la patente D:

  • Accesso diretto a 24 anni ed essere in possesso della patente B.

  • Accesso a 21 anni se si consegue la patente D insieme alla CQC o solo la D1.

Se lo scopo del conseguimento della patente D è l’uso professionale, è necessario ottenere anche la CQC. Per ottenere la patente D occorre aver superato l’esame teorico e l’esame pratico. Il quiz patente D può essere sostenuto solo dopo aver concluso 300 ore di corso. È costituito da 40 domande con 40 minuti a disposizione e un massimo di 4 errori consentiti. Se non si supera l’esame, si può sostenere una seconda prova ma devono trascorrere almeno 31 giorni dall’ultimo esito. Se invece l’esame teorico viene superato, al candidato è rilasciato un foglio rosa che gli consente di esercitarsi alla guida. Per poter accedere all’esame pratico, deve aver sostenuto almeno 4 lezioni di guida e devono essere trascorsi almeno 30 giorni dal superamento della prova teorica. Il candidato ha tempo 6 mesi dalla presentazione della domanda presso la Motorizzazione per sostenere l’esame pratico. Anche per questa prova, se l’esito è negativo, ha a disposizione un secondo tentativo con le stesse tempistiche previste per l’esame teorico. Per conseguire la patente D è possibile iscriversi all’esame come privatista. È necessario, per superare l’esame teorico, procurarsi un libro di testo. Per la prova pratica invece, è necessario avere a disposizione l’apposito veicolo sul quale esercitarsi.

La patente D si rinnova:

  • Ogni 5 anni fino a 60 anni.

  • Ogni anno da 61 anni a 68 anni: viene rilasciato un attestato aggiuntivo d’idoneità redatto dalla Commissione medica locale.

  • Dopo i 68 anni la patente D si"declassa" a patente C.

Per conseguire la patente D occorre inoltre essere in possesso di specifici requisiti psicofisici:

  • Acutezza visiva: è necessario avere una graduazione visiva pari e non inferiore a 12/10 complessivi e con un minimo di 4/10 nell’occhio"debole". La misurazione della vista avviene anche se si è già in possesso di occhiali da vista.

  • Acutezza uditiva: è necessario percepire una conversazione ad almeno 8 metri di distanza. Non sono ammessi protesi. Il costo per il conseguimento della patente D e della CQC tramite autoscuola non è inferiore ai 500 euro.

La patente D è costituita dalle seguenti sottocategorie:

  • Patente D1: più piccola rispetto alla patente D, permette di guidare i cosiddetti autobus per uso proprio con un minimo di 9 posti passeggeri ma non superiori a 17 posti compreso quello del conducente e un rimorchio con massa non superiore a 750kg. Per ottenere la patente D1 occorre aver compiuto 21 anni e aver superato un esame teorico e un esame pratico con le medesime modalità previste per la patente D. L’esame teorico consiste in un test a quiz di 20 domande della durata di 20 minuti con un massimo di 2 errori consentiti. L’esame pratico invece dura 45 minuti durante i quali l’esaminatore valuterà le capacità e le abilità del conducente alla guida del veicolo.

  • Patente D1E: occorre aver compiuto 21 anni con l’obbligo di essere in possesso della patente D1. Con questa categoria di patente D è possibile guidare veicoli composti da una motrice rientrante nella categoria D1 e da un rimorchio la cui massa non è inferiore a 750kg.

Per conseguire la patente D1E occorre avere determinate caratteristiche fisiche: è necessaria un graduazione visiva pari e non inferiore a 12/10 complessivi e con un minimo di 4/10 nell’occhio"debole". Questa graduazione può essere raggiunta anche con l’utilizzo di lenti a contatto o di occhiali da vista. Anche l’udito deve essere integro: per ciascun orecchio occorre percepire il suono ad almeno 8 metri di distanza senza l’utilizzo di protesi o dispositivi.

Per il conseguimento della patente D1E è necessario superare un esame di teoria o un esame pratico. L’esame teorico consiste nel rispondere a domande comprendenti concetti base e argomenti attinenti nello specifico ai veicoli di categoria D1E e al trasporto di cose. L’esame pratico invece si svolge in 45 minuti.

La patente D1E ha una durata di 5 anni fino al compimento dei 60 anni di età; successivamente e fino al compimento del 68° anno di età, viene rinnovata annualmente e ad ogni rinnovo è rilasciato dalla Commissione Medica Locale un attestato d’idoneità annuale per poter guidare i veicoli per i quali è richiesta la patente D1E. Dopo i 68 anni di età non è più possibile guidare i veicoli per i quali è necessario avere questa categoria di patente D.

  • Patente DE: occorre aver compiuto 24 anni di età con l’obbligo di aver conseguito la patente D. Anche per questa categoria di patente D, per chi ha conseguito la CQC persone, l’età minima si abbassa a 21 anni.

La patente DE consente di guidare i seguenti veicoli: motrice di categoria D e rimorchio di massa superiore a 750 kg, autosnodati, trenini turistici con un numero di posti non inferiore a 9 compreso quello del conducente e infine veicoli che si possono condurre con la patente D BE. È possibile inoltre guidare anche i veicoli delle categorie AM, B, BE, D1E.

Per guidare questi veicoli la patente DE non basta; occorre aver conseguito anche la CQC. Anche per questa tipologia di patente D è richiesta una graduazione visiva pari e non inferiore a 12/10 complessivi e con un minimo di 4/10 nell’occhio"debole". La graduazione di 12/10 può essere raggiunta anche con l’utilizzo di lenti a contatto. Le capacità uditive devono essere integre: per ciascun orecchio occorre percepire il suono ad almeno 8 metri di distanza senza l’utilizzo di protesi o dispositivi. Non devono essere presenti nemmeno modifiche anatomiche o funzionali agli arti come protesi o di dispositivi compensativi. Viene inoltre tenuto in considerazione il tempo di reazione ad ogni stimolo, dal più semplice al più complesso. Per conseguire la patente DE occorre aver superato l’esame teorico e l’esame pratico. L’esame teorico si svolge in forma scritta e prevede 40 domande da rispondere in un lasso di tempo di 40 minuti. Per superare il quiz occorre aver risposto correttamente ad almeno 36 domande. L’ esame pratico dura 45 minuti durante i quali l’esaminatore è tenuto a verificare la corretta abilità e capacità di guida dell’esaminando. La verifica avviene su aree urbane, extraurbane e in autostrada. Il costo per il conseguimento della patente DE è variabile da agenzia ad agenzia. Il costo sostenuto generalmente non è inferiore ai 650 euro. Se invece si sceglie di sostenere l’esame teorico da privatista, il costo sostenuto non è inferiore ai 500 euro.

La CQC è la Carta di Qualificazione del Conducente, un’abilitazione alla guida professionale obbligatoria per tutti i conducenti che trasportano merci o persone su strada e sono alla guida di veicoli con massa a pieno carico non inferiore a 3,5 tonnellate. La certificazione è direttamente collegata alle patenti C, CE, D E DE; pertanto se la patente D viene sospesa o ritirata, gli effetti ricadono anche sulla CQC. Chi ha conseguito la patente D e DE prima del 10/09/2009, può ottenere la CQC persone per documentazione.

LA CQC può essere conseguita:

  • Per merci (CQC merci): la certificazione integra le patenti C, C1, CE, C1E. Deve essere conseguita da chi trasporta cose per conto terzi e con veicoli avente massa a pieno carico non inferiore a 3,5 tonnellate. Sono inclusi tra questi veicoli i rimorchi e i semirimorchi.

  • Per persone (CQC persone): la certificazione integra le patenti D, D1, DE, D1E. Viene conseguita da coloro che effettuano, ad uso professionale, il trasporto pubblico di persone alla guida di un autobus con capienza non inferiore a 9 posti oppure di veicoli a noleggio con conducente.

  • Per entrambe le casistiche sopra descritte.

Per i seguenti veicoli invece, è escluso il conseguimento della CQC:

  • Veicoli con una velocità massima non superiore ai 45 km/h.

  • Veicoli utilizzati dalle Forze armate, dalla Protezione civile, dai Pompieri e dalle Forze dell’Ordine.

  • Veicoli che trasportano materiale e attrezzature utilizzati dal conducente nell’utilizzo della propria attività a condizione però, che l’utilizzo del veicolo non rappresenta la principale attività del conducente.

  • Veicoli utilizzati per il trasporto di merci o passeggeri con finalità non commerciali.

  • Veicoli utilizzati per l’esercitazione alla guida al fine del conseguimento della patente D.

La CQC si consegue effettuando un corso di formazione iniziale della durata complessiva di 280 ore (260 di teoria e 20 di pratica) presso le autoscuole. Non è possibile conseguire la CQC come privatista. Il corso di formazione può essere svolto in forma ordinaria o accelerata. Il corso accelerato, della durata di 140 ore (130 di teoria e 10 di pratica) ha una durata minore ma la CQC conseguita è soggetta a delle limitazioni per un periodo di tempo. Il corso è costituito da due parti: una parte uguale per tutti gli autisti professionali e una parte invece specifica per trasporto di cose o persone. La parte specifica prevede la partecipazione in aula di tre docenti: uno specialista medico, un’insegnante di scuola guida e un esperto di autotrasporto.

Esiste anche la CQC merci che si può conseguire dopo aver compiuto 18 anni di età e che permette di guidare le seguenti categorie di veicoli:

  • Veicoli della categoria C1, C e/o CE per trasporto professionale. Chi ha conseguito la patente D C e C+E prima del 10/09/2009 può ottenere la CQC merci per documentazione.

Pertanto per chi ha già conseguito l’attestato di autotrasportatore non è necessario seguire la parte del corso relativa all’autotrasporto, allo stesso modo, chi ha già conseguito la CQC persone può evitare di partecipare alla parte generale prevista nel corso.

L’esame deve essere sostenuto entro un anno dal termine del corso. L’esame per conseguire la CQC dura 90 minuti e si svolge sotto forma di quiz in maniera informatizzata. Il candidato deve rispondere a 70 domande a risposta multipla. Il test si intende superato se non sono stati commessi più di 7 errori. Il candidato che non ha superato l’esame, deve presentare nuovamente la domanda di partecipazione e potrà ripeterlo trascorsi 30 giorni dall’ultima prova. Una volta conseguita la Carta di Qualificazione del Conducente è obbligatorio seguire presso un’autoscuola, ogni cinque anni, un corso di formazione periodica della durata di 35 ore. Il costo per il conseguimento della CQC dipende dalla città nella quale si richiede l’abilitazione. In linea generale per entrambe le CQC (persone e merci):

  • Parte dagli 850 euro e raggiunge un importo di 4000 euro per la CQC merci.

Il corso di aggiornamento:

  • Costo indicativo di 200 -250 euro.

Spese fisse e burocratiche da sostenere:

  • 50 euro per i bollettini da presentare per fare domanda all’esame.

  • 16 euro di marca da bollo e il costo delle fototessere.

Dopo aver conseguito la CQC, il candidato deve sostenere il costo del bollettino della patente D e della visita medica.

Bibliografia e info utili per i quiz patente D

Vi ricordiamo sempre che prima di presentarvi alla prova di esame quiz patente D vi suggeriamo di leggere le seguenti documentazioni ufficiali.

Vi ricordiamo in oltre che sul nostro sito potrete sempre trovare i quiz patente d sempre aggiornati e corretti, ed estratti dalla banca ufficiale denominata patente d quiz.

arrow-leftcharm-refreshgreen-checkpark-outline-timersmall-arrow-leftuil-pen